Page: > La palestra

Palestra riabilitativa

Allenamenti One to One. Dopo un’accurata anamnesi, il fisioterapista va ad eseguire iuna valutazione funzionale della postura dinamica per rilevare aspetti quantitativi e qualitativi inerenti la mobilità, la stabilità e le asimmetrie del soggetto, dopo ciò il chinesiologo sulla base dei risultati, stilerà un programma di allenamento personalizzato attraverso sedute individuali, per chi desidera, raggiungere più velocemente e con più efficacia gli obiettivi prefissati. 

Recupero pre/post infortunio. Centro fisiomedico parco della contessa è il luogo a cui rivolgersi per il recupero pre-post infortunio, nella sua palestra, il paziente/cliente può sottoporsi ad attività di ginnastica riabilitativa, riabilitazione dell’atleta, rieducazione motoria, riabilitazione posturale, a programmi personalizzati per la preparazione fisica e atletica e a percorsi di prevenzione a infortuni di tipo muscolare. Esercizi mirati e personalizzati di ginnastica posturale migliorano lo stato psicofisico della persona e arginano l’insorgere di patologie e infortuni, sia nello svolgimento dell’attività quotidiana che nella pratica sportiva. In seguito ad un infortunio, invece, il paziente viene condotto al recupero del tono muscolare, della mobilità articolare, della flessibilità, della propriocezione e della coordinazione così da evitare recidive. 

Preparazione atletica. Presso il centro fisiomedico parco della contessa lo sportivo viene sottoposto ad un programma di allenamento personalizzato, a test specifici e ad attività volte al miglioramento delle capacità coordinative, condizionali e mentali. In questo modo potrà migliorare la resistenza, la forza muscolare e la rapidità, allenando al contempo equilibrio, propriocezione, mobilità articolare e flessibilità.

Riatletizzazione. La riatletizzazione è la fase terminale del percorso di recupero funzionale di un atleta reduce da infortunio, ed è fondamentale affinché la persona possa tornare a praticare il suo sport. Durante la riatletizzazione, l’atleta viene portato a recuperare le qualità aerobiche e il tono muscolare, la propriocettività (specie in caso di lesioni articolari), l’elasticità e la coordinazione muscolare alle sollecitazioni intense. Così facendo, potrà tornare con tranquillità alla sua attività agonistica.

Ginnastica propriocettiva. La ginnastica propriocettiva può fare la differenza tra un’articolazione o un arto che tornano a funzionare discretamente per le attività di vita quotidiana e un’articolazione o un arto che tornano a sopportare le sollecitazioni sportive senza alcun dolore. Grazie a tecniche ed esercizi propri della fisioterapia, il paziente viene portato a  recuperare e a migliorare la percezione che ha del suo corpo in genere, o di un arto o un’articolazione in particolare: in questo modo, sensibilizza il controllo degli arti inferiori, previene eventi traumatici alle articolazioni e accelera il recupero di eventuali lesioni.

Recupero pre-post operatorio. All’interno della palestra riabilitativa è possibile sottoporsi a sedute pre-operatorie: l’obiettivo è potenziare la muscolatura in vista di un successivo e inevitabile decadimento, così da velocizzare il recupero una volta eseguito l’intervento chirurgico a carico dell’apparato locomotore. In questo modo, si va ed evitare l’atrofia muscolare dovuta all’immobilità post-chirurgica. Il trattamento post-operatorio ha invece come scopo l’individuazione del percorso riabilitativo migliore per raggiungere nel minor tempo possibile i risultati programmati. Nello specifico, ripristina la mobilità articolare, ristabilisce il tono muscolare e consente di riutilizzare il segmento corporeo interessato.